Archivi categoria: Senza categoria

Tre incontri di scrittura creativa – Domus Aprilia – 16, 23 ott e 6 nov 21- Con Buffet

Domus Aprilia

Le declinazioni dell’abitare

TRE INCONTRI DI SCRITTURA CREATIVA 

(con buffet)

16 Ottobre 2021 18:00 – 21:00

23 Ottobre 2021 18:00 – 21:00

06 Novembre 2021 18:00 – 21:00

a Torino, V. San Donato 79c

Progetto di Cascina Macondo,

in collaborazione con Hokuzenko,

con il contributo dell’Unione Buddhista Italiana

Sesshin ottobre 2021 SHO TAI JI (Lequio Tanaro CN)

Sesshin di ottobre 2021 a SHO TAI JI  (Lequio Tanaro)

Sabato 30 ottobre

Sacco a pelo, due tazze 2 tovaglioli

Si può arrivare dal venerdì 29

Link GOOGLE MAP

( uscita Fossano- Benevagienna- Lequio- Borgata Costamagna-Via Piano Canà ultima cascina)

 E’ detto che coloro i quali sono veramente nella Via non discutono i giudizi degli altri. Questo non significa che danno giudizi ma li sopprimono; significa che non vedono le persone in termini di sé e di altro. Il terzo patriarca dello zen disse: “Nel regno dell’essere come è, non vi è altro e non vi è sé.”

Dice una scrittura: “La natura della realtà è come un oceano; non bisogna dire che vi è ragione o torto.”
Se si considera il mondo in termini di distinzioni fra altro e sé, inevitabilmente si danno giudizi di giusto e sbagliato, non si è veri praticanti della Via, anche se ci si trattiene dall’esprimere le proprie opinioni. Piuttosto che trattenersi dal discutere i giudizi degli altri, pertanto, gli studenti di Buddismo dovrebbero voltarsi e riflettere: ” Chi è che parla di giusto o sbagliato negli altri?”

Una scrittura dice che “bisogna considerare la costituzione fisica come il proprio corpo e considerare i riflessi dei dati sensoriali come la propria mente.” Il significato di queste affermazioni è che ciò che le persone comuni ritengono essere il proprio sé non è il vero sé. E se non sai cosa sia il tuo vero sé, non puoi neanche vedere gli altri come sono veramente. Così se le tue idee di sé e di altro sono entrambe non vere, come puoi giudicare il giusto e lo sbagliato?

Muso Kokushi

A mani unite

Per Hokuzenko

Nanmon

dom 17/10/21 – incontro introduttivo alla Pratica della cucitura tradizionale (con Buffet)

 

ottobre, dalle ore 10 alle ore 12.30, si svolgerà l’incontro introduttivo alla pratica della cucitura tradizionale tenuto dalla monaco soto Zen Rita Hokai Piana.

Durante la prima parte dell’incontro Rita Hokai Piana spiegherà la storia e il senso della pratica della cucitura nello Zen, nella seconda parte si potrà provare a cucire.

Per Info

hokuzenko@zentorino.org

https://www.zentorino.org/contatti/

Presentazione Cucitura

 

Prima Sesshin Lunga a Lequio Tanaro (CN)

PRIMA SESSHIN LUNGA DI AGOSTO A LEQUIO TANARO
Da lunedì 8 agosto a sabato 14 agosto ore 15, dopo il pranzo di celebrazione della fine sesshin.
Arrivo lunedì non oltre le 16.  
Quota: 90, più cassa cucina sull’ordine dei 60. Dalla ripresa post pandemia e per gli anni a venire, le cifre raccolte per le sesshin (tranne una piccola cifra-spese per il maestro)  andranno per la ‘casa di Hokuzenko’.
Data la situazione da accampamento, è bene avvisare della vostra eventuale partecipazione.
Oltre agli abiti per la meditazione portatevi abiti da lavoro.
 
Per Hokuzenko, a mani unite

Nanmon

 
Clicca per aprire la mappa:
 
 
Si può arrivare in treno a Mondovì  poi con bus fino a Carrù, dove verremo a prendervi. Si può arrivare il giorno prima della sesshin e ripartire il giorno dopo la fine della sesshin.
 
(Preparatevi: la sesshin si farà SENZA i cellulari. Si darà un numero per eventuali emergenze)
  
 

Il maestro entrò nella sala di meditazione per tenere il discorso di quella giornata.

Non era ancora l’alba, camminava in mezzo alle due file di monaci seduti, rivolti verso il centro della sala, vestiti di nero, immobili come rocce. Il silenzio era tale che ogni alito di vento che entrava dalle finestre aperte della sala sembrava nascere dalla sala stessa. Ogni passo del maestro  rendeva ancora più denso  il silenzio.
Quando il maestro arrivò in fondo alla sala si girò. Stava per iniziare il discorso quando il canto di un uccello,  improvvisamente echeggiò nella  sala.
Il maestro continuò a stare in silenzio. Il canto dell’uccello inondava ogni cosa.
Poi finì.
Il maestro disse: “Per oggi il discorso è finito”.

Per chi volesse partecipare all’avventura della nascente CASA DI HOKUZENKO: iban
La casa di Hokuzenko
IT52K0501801000000016978967
 
 

DOMUS APRILIA

Domus Aprilia presentazione

 

 

 

 

 

 

 

Ciascun essere umano «abita da qualche parte», ma i modi e i luoghi dell’abitare cambiano.

Quando ci sentiamo a casa?

Come si sente chi una casa non ce l’ha?

Come si sente chi si trova a vivere in una struttura come quella carceraria?

E una persona disabile che vive in una comunità alloggio?

E chi ha lasciato per necessità la propria casa in un paese lontano ed è temporaneamente ospite di un social-housing nella provincia di Torino?

Un cittadino figlio di immigrati dove si sente a casa e che cosa lo fa sentire a casa?

Sentirsi a casa è sempre un’esperienza positiva o possiamo sentirci a casa anche se in questo luogo che chiamiamo casa non stiamo bene?

Sono le domande a cui proveremo a rispondere insieme durante le attività di questo progetto di Cascina Macondo, svolto in collaborazione con Hokuzenko, con il contributo dell’Unione Buddhista Italiana.

Saranno coinvolte persone che vivono situazioni abitative differenti: un gruppo di detenuti del carcere di alta sicurezza R.Morandi di Saluzzo, varie scuole (elementari, medie e superiori), alcuni gruppi di persone diversamente abili, persone ospiti di un social housing o cittadini senza fissa dimora e chiunque, dopo aver compreso le finalità del progetto, voglia partecipare.

Per informazioni rivolgersi a hokuzenko@zentorino.org